La Sora Maestra

poesia di Gianni Betto

C’har nome de’ na scimmia la sua scòla, m’po te chiedi, boh, sarà ‘na sòla?

Er dubbio poi te passa prontamente, conosci la maestra e la sua ggente

Cominci la lezione dell’inizio, e vedi che c’è pure chi c’ha er vizio!

C’hai pure mber dilemma ai primi passi er pavimento è liscio o ce so’ i sassi?

Cammini sulle spine fino a quanno te dice stai tranquillo, nun fai danno

Ma a’ stento tu confidi ner suo occhio nun trovi differenze co’ Pinocchio.

Er tango, te diceva quarcheduno, nun è na’ scampagnata pe’ nisuno

Ce’ vole la passione, mbell’impegno che solo pe’ capillo ce’ vo’ ingegno.

E’ ngioco d’equilibrio, de costanza, lo balla quello secco o co’ la panza

Nun è na gara, bono, tira er freno, nun c’è competizione, stai sereno.

Devi capi n’a’ donna, armeno n’paio, è li che poi t’accorgi der ber guaio.

Te chiedi se sta pena poi te è varsa, o n’vece n’era mejo ballà sarsa

Che d’argentino poi, sinceramente è Maradona che c’avevi in mente

E se pensavi ar tango e a sti litigi, all’urtimo de’ Brando, li’ a Parigi

Cor tempo la fiducia l’acquisisci, so’ i passi, quelli che nun concepisci

Fortuna che c’è Alicia pe’ nsegnatte se no c’era na guera da combatte

Te’ parla dell’asse, te spiega l’abbraccio che solo a pensacce ce’ vole coraggio

Devi ‘ndica a na donna er movimento cercanno d’evità l’esaurimento.

Nun è ‘na bicicletta la compagna, è quanno la sbatacchi che se lagna

C’è quella che t’anticipa e te tira, e quella che te’ sviene quanno gira

Quell’artra che la sposti co’ l’ordigni, e quella che s’ammoscia quanno spigni.

C’è quella che c’ha l’anca poco eretta, e l’artra che nell’ocho te’ sculetta.

Poi noti la regina della pista, t’appare come n’incubo alla vista Te’ da er pilotto

e nun da’ mai retta se mette a ffa’ l’adorni pe’ n’oretta

Affronti la milonga da novizio, pensando che sia l’urtimo giudizio.

Ricordi ciò che Alicia te’ diceva? Devi da ‘sta tranquillo, sosteneva

Così pe’ superà quest’art’ostacolo, te gusti ner silenzio sto spettacolo,

C’è quello che te invita quella donna, in base a li centimetri de’ gonna.

O l’artro che lo vedì li a riflette, sceienno la misura delle tette.

Poi quello lì, nell’angolo in castigo, o quello che lo vedi sta a fa’r figo

Te’ fionni alla lezione quatto quatto co’ i carci c’hai preso, tumefatto.

Je chiedi alla maestra li ragguagli dei passi voi sape’ tutti i dettagli

Alicia con dovizia te li spiega, che pure sei de’ coccio nun te nega

Ser passo è m’po’ zoppo, diciamo imperfetto che pe’ sistemallo num basta Geppetto

Lei te lo fa vede’, te fa l’esempio a te poi sta il resto, a fanne no scempio

S’er giro è m’po’ stitico e t’accartocci in quattro e quattr’otto sistema li’ cocci

Riesce come sempre a entusiasmatte che balli co’ le scarpe o le ciavatte

è tutto n’concentrato d’elenganza lei che pure dell’omo ha padronanza

Le donne le cazzia, je dice nun va co’ l’omo è più tenera, ce’ vole pietà

Anche ‘na salma risveglia pian piano quello più giovane o quello più anziano

Je cambia er passo, lo consola che se prima cammina, mo’ proprio vola

E’ come na’ seduta dar dottore, te mette a posto er fisico e te’ rinfranca er core

E quanno ce fai ntango pe’ fortuna te sembra ‘na milonga sulla luna

Te’ viene tutto e resti senza fiato pensando d’esse m’po’ miracolato.

E’ dolce se spiega, ma poi poliziesca che più che argentina te pare tedesca

Se segui la lezione militare te resta tutto semplice da fare

E quanno te se mette li vicino je dici Alicia grazie e fai l’inchino.

Gianni (ogni riferimento a persone o fatti è puramente casuale)